30.000 posti di lavoro disponibili, ma mancano le figure professionali

10 Giugno 2024

Le cooperative italiane sono pronte ad assumere 30.000 nuove figure professionali, ma la metà di queste posizioni risulta difficile da coprire a causa della carenza di personale qualificato.

Il tasso di disoccupazione è in calo, ma le imprese non riescono a trovare i lavoratori con le competenze ricercate. Le figure professionali più richieste spaziano dal settore socio-sanitario all’agroalimentare, dal trasporto ai servizi turistici e culturali.

Anche in Veneto la situazione è simile: le imprese faticano a trovare i lavoratori con le competenze ricercate, in particolare nei settori del turismo, dell’agricoltura e dell’artigianato.

Per fronteggiare questa sfida, la Regione Veneto ha investito nelle politiche attive del lavoro, che hanno dato risultati positivi:

  • Nel 2023, oltre 40.000 persone hanno partecipato a percorsi di formazione professionale.
  • Più di 20.000 persone hanno trovato un lavoro grazie ai servizi di intermediazione.
  • Il tasso di disoccupazione in Veneto è sceso al 6,5%, uno dei più bassi in Italia.

Le politiche attive del lavoro, infatti, si dimostrano uno strumento efficace per ridurre la disoccupazione e aumentare l’occupabilità dei lavoratori perchè includono

  • Formazione: corsi di formazione professionale per aggiornare le competenze dei lavoratori e prepararli alle nuove esigenze del mercato del lavoro.
  • Orientamento professionale: servizi per aiutare le persone a trovare il lavoro più adatto alle loro capacità e aspirazioni.
  • Servizi di intermediazione: che mettono in contatto le imprese con i lavoratori.

I nostri enti sapranno guidarti nella scelta del servizio più adatto.


https://ntpluslavoro.ilsole24ore.com/art/gardini-confcooperative-piu-formazione-e-politiche-attive-AFCe5NvD
Leggi altre news